News
Palermo, 17enne avvelena la ma...
Ragusa, travolto da un’auto:...
Naufraga barca di migranti: mu...
Zanzare triplicate a causa del...
Marco Morandi insultato di con...
Otto racconti brevi per otto l...
Significato di «in articulo m...
Meteo: verso una settimana di ...
Opicina, folgorato dai cavi el...
Michela Murgia si è sposata c...
Pierluigi Diaco: «Ho superato...
Crolla palazzina in ristruttur...
Pamplona, tra la folla che cor...
La bassa velocità che ci rend...
Francesco Scieri: «Tanta omer...
Migranti, l’allarme Unicef: ...
Indagini sulle stragi del’93...
Indagini sulle stragi del ’9...
Lea Garofalo, manifesto funebr...
Il meteo di oggi, 14 luglio: u...
Bassetti: «I 123 medici che c...
Luca Delfino, il «killer dell...
Fabio Farati: «Ho ballato con...
Marco Morandi: «Sembro più v...
Rubano uno zaino in spiaggia,...
Concorso scuola, Petrarca mise...
Enna, neonato di sei mesi cade...
Sicilia, l’emendamento di Fd...
Morte del parà Emanuele Scier...
Caldo, la temperatura al suolo...
Matteo Bassetti: 123 medici lo...
Meteo: Centro-Sud rovente, all...
Beatrice Borromeo: «L’audio...
Cecilia Gasdìa: «La lirica ...
Venere degli Stracci, l’arte...
Michelle Hunziker: «Non sto c...
Verga, Camilleri, Pirandello U...
Parma capitale e il mito Verdi...
Caso Orlandi, svelato il sacer...
«Bohème» pariginache sa di ...
Il lago, la dimora: un legame ...
«La mia felice impazienza»...
Bordighera come Wimbledon: un ...
Antropocene: un lago in Canada...
Lucca, Beatrice Venezi suona a...
Marco Ferradini: «Fui trattat...
Cerbero travolge l’Italia: c...
Sottomarino Titan, «le vittim...
Addio a Jocca, il fumettistade...

Studio sui rischi domestici connessi con il telelavoro

1 Aprile 2005, Commenti disabilitati su Studio sui rischi domestici connessi con il telelavoro
La ricerca realizzata in collaborazione con il Dipartimento di Medicina del Lavoro dell’Ispesl, è finalizzata a rilevare i rischi domestici connessi con il telelavoro è costituita da 3 differenti azioni: una analisi di scenario volta ad indagare le dimensioni attuali del telelavoro, una indagine qualitativa attraverso interviste in profondità a 9 testimoni privilegiati e una campionaria con un questionario semi-strutturato a 201 telelavoratori di Amministrazioni pubbliche e della Telecom Italia. Nel complesso, si rileva una scarsa diffusione del telelavoro in Italia ma, allo stesso tempo una soddisfazione diffusa da parte dei telelavoratori verso la nuova forma lavorativa che comporta una diminuzione dello stress ed una maggiore autonomia decisionale; gli elementi di criticità maggiori riscontrati riguardano la sfera relazionale e psicologica (senso di isolamento e solitudine).
Anche per quanto riguarda la sicurezza emerge una attenzione maggiore verso quelli che potremmo chiamare rischi “psico-sociali” rispetto ai rischi fisici predominanti in altre tipologie lavorative e legati, nel caso del telelavoro, prevalentemente ai rischi derivanti dall’ambiente domestico: infatti, mentre gli strumenti utilizzati per telelavorare (videoterminale, telefono) comportano rischi limitati, l’ambiente domestico per sua natura è esposto a numerosi rischi che non possono essere controllati giornalmente dall’azienda e che vanno a sovrapporsi all’attività di telelavoro. Per prevenire il rischio di infortuni emerge l’esigenza di separare in maniera netta l’ambiente nel quale si svolge il telelavoro dal resto dell’abitazione per ridurre il rischio del telelavoratore e dei propri familiari e di attivare, da parte dell’azienda, controlli periodici dell’ambiente per verificare la sussistenza delle condizioni ottimali di lavoro.
Curatore del Rapporto: Fabio Piacenti
 
Responsabile del progetto per l’Ispesl Silvana Pami
 
Hanno collaborato Daniela De Francesco, Marta Giorgino, Luca Rondini, Matteo Valido, Viviana Vassura

watching wife sex porno izle free porn movies pornos deutsch spanisch