News
Denise Galatà, morta la 18enn...
Rafting, l’amica di Denise:...
Fiume Lao tra sassi, salti, di...
Rafting: cos'è e come pratica...
Civitanova Marche, finta maxi-...
Alluvione in Romagna, la caten...
Nel santuario degli animali sa...
Fabio Capello: «Il più grand...
Odissea «asilo politico» per...
A Conselice l’acqua si è ri...
Denise morta durante il raftin...
La morte di Denise Galatà: il...
Il sacrificio dell'agricoltore...
Abitare lo stivale: il nuovo e...
Meteo, le previsioni di mercol...
Danny Quinn: «Gli altri 12 fi...
Giuseppe Amato, procuratore ca...
L’indice di vivibilità clim...
«Un aiuto subito» per l’Em...
Rafting con la scuola in Calab...
Aste truccate in crescita, la ...
Fermata nave cinese in Malaysi...
Asinara, campione di apnea tro...
Con il cuore, stasera l’even...
Emilia-Romagna, Mattarella in ...
Davide Ferrerio, a processo l...
Il meteo di martedì 30 maggio...
Giulietta, l’11enne che ha c...
Anna Premoli: «Così ho vendu...
Alluvione Romagna: dalla fruit...
...
Everest: 70 anni fa la conquis...
Invito a Palazzo. In Scozia ne...
Comunali, tutti i risultati ci...
Appuntamento con la paura: «A...
L’inviata del Tg1 è di Con...
Schiavon, inaugurato maxi impi...
Il meteo, bomba d’acqua a Mi...
Stefano Savi, sfregiato senza ...
Strade e incidenti, ancora eme...
I cori e le arie, «non sarà ...
Maguy Marin, la danza della co...
Dal 30 maggio al 16 dicembre ...
Peer Gynt, kolossal iniziatico...
Daniela Zedda, morta la fotogr...
La palude di acqua nera che ci...
Umbria, due incidenti mortali,...
Gran Sasso, due alpinisti mort...
Domenica di bel tempo con qual...

Studio sui rischi domestici connessi con il telelavoro

1 Aprile 2005, Commenti disabilitati su Studio sui rischi domestici connessi con il telelavoro
La ricerca realizzata in collaborazione con il Dipartimento di Medicina del Lavoro dell’Ispesl, è finalizzata a rilevare i rischi domestici connessi con il telelavoro è costituita da 3 differenti azioni: una analisi di scenario volta ad indagare le dimensioni attuali del telelavoro, una indagine qualitativa attraverso interviste in profondità a 9 testimoni privilegiati e una campionaria con un questionario semi-strutturato a 201 telelavoratori di Amministrazioni pubbliche e della Telecom Italia. Nel complesso, si rileva una scarsa diffusione del telelavoro in Italia ma, allo stesso tempo una soddisfazione diffusa da parte dei telelavoratori verso la nuova forma lavorativa che comporta una diminuzione dello stress ed una maggiore autonomia decisionale; gli elementi di criticità maggiori riscontrati riguardano la sfera relazionale e psicologica (senso di isolamento e solitudine).
Anche per quanto riguarda la sicurezza emerge una attenzione maggiore verso quelli che potremmo chiamare rischi “psico-sociali” rispetto ai rischi fisici predominanti in altre tipologie lavorative e legati, nel caso del telelavoro, prevalentemente ai rischi derivanti dall’ambiente domestico: infatti, mentre gli strumenti utilizzati per telelavorare (videoterminale, telefono) comportano rischi limitati, l’ambiente domestico per sua natura è esposto a numerosi rischi che non possono essere controllati giornalmente dall’azienda e che vanno a sovrapporsi all’attività di telelavoro. Per prevenire il rischio di infortuni emerge l’esigenza di separare in maniera netta l’ambiente nel quale si svolge il telelavoro dal resto dell’abitazione per ridurre il rischio del telelavoratore e dei propri familiari e di attivare, da parte dell’azienda, controlli periodici dell’ambiente per verificare la sussistenza delle condizioni ottimali di lavoro.
Curatore del Rapporto: Fabio Piacenti
 
Responsabile del progetto per l’Ispesl Silvana Pami
 
Hanno collaborato Daniela De Francesco, Marta Giorgino, Luca Rondini, Matteo Valido, Viviana Vassura

watching wife sex porno izle free porn movies pornos deutsch spanisch