News
Siccità, le proiezioni che al...
I Nas in 876 canili pubblici e...
Scoperta in Egitto la mummia p...
Genova, il caso di Emmanuel ch...
Il casolare dove fu ucciso Imp...
Meteo, le previsioni di venerd...
Germana Stefanini. Il sacrific...
Maria Pia Ammirati: «Sono la ...
Auckland, l’aeroporto chiude...
Il tipografo, l’avvocato, im...
Assisi, Davide Piampiano morto...
L’Uzbekistan, il Paesedove l...
Rugby, banana marcia al com...
A Londra, in primavera L’inc...
La lettera di Ratzinger: «L...
Aeroporti, tre scioperi nei ci...
«L’antisemitismo torna sott...
Perché la Giornata della Mem...
Vincenzo Mollica: «Festeggio ...
Matteo Messina Denaro, l'ipote...
Il marito di Viviana Delego, m...
Ange Fey, professione accompag...
Ocean Viking deve andare a Car...
La memoria nella voce di Lilia...
Nel covo di Messina Denaro una...
ClimateFish, il primo database...
Suicidio assistito, chi deve a...
Il pianoforte? L'ha inventato ...
Catena Fiorello: «Papà era i...
Tiziana Rocca, l’amica che h...
Il figlio fantasma di Messina...
Corteo antimafia davanti al co...
Tommaso Mazzanti dell’Antico...
Padova, l'idea del vicino esas...
Terremoto L’Aquila, Governo ...
Valanga sul Monte Elmo, muore ...
Lollobrigida, il legale del fi...
Meteo, le previsioni di gioved...
Tutto quello che avreste volut...
Colosseo, Domus aurea e la Rom...
Bestie di Satana, 25 anni fa l...
L’arte, i regni e le lotte. ...
Ventimiglia, l’ipotesi che i...
Messina Denaro: i Ray Ban dell...
Condannato per omicidio a 23 a...
Joe Kahn, direttore del New Yo...
Papa Francesco: «L’omosessu...
Andrea Piazzolla, l’assisten...
Il concessionario di Messina D...

Rapporto Eures 2003 sull’Omicidio volontario in Italia

1 Luglio 2003, Commenti disabilitati su Rapporto Eures 2003 sull’Omicidio volontario in Italia
L’EURES concretizza con questo primo “Rapporto annuale sugli Omicidi in Italia” un lavoro che da anni svolge il suo Osservatorio sulla criminalità, attraverso un meticoloso monitoraggio degli eventi delittuosi. Il rapporto 2002 ha come riferimento l’anno 2000: dal confronto dei dati emerge la diminuzione di quelli attribuiti alla criminalità comune e organizzata, accanto alla netta prevalenza degli omicidi maturati nei rapporti di prossimità; questo risultato, e soprattutto le dinamiche osservate, disegnano una realtà nella quale lo spazio vitale dell’individuo, cioè l’insieme delle relazioni significative, si va gradualmente riducendo, con una progressiva perdita della capacità di discriminare, al di là della prospettiva emotiva e dei comportamenti reattivi individuali, tra ciò che ha realmente senso e valore e ciò invece ne ha in misura soltanto marginale.
I risultati del Rapporto indicano dunque che lo studio dell’omicidio deve oggi maggiormente concentrarsi sulle cosiddette patologie della normalità e soprattutto, sulle reazioni individuali al disagio, allo stress e alla frustrazione, in una dimensione sociale caratterizzata dall’indebolimento e dalla perdita di ruolo di alcuni tradizionali attori della “mediazione sociale” (la famiglia e le Istituzioni, ma anche i sindacati e le altre organizzazioni rappresentative).
Le possibilità di prevenzione, in questo contesto, sembrano infatti decisamente ridursi, in assenza di modelli interpretativi e strategie di attenzione capaci di cogliere le nuove cause degli omicidi.
Curatore del Rapporto: Fabio Piacenti
 
   
 
   

watching wife sex porno izle free porn movies pornos deutsch spanisch