News
Palermo, 17enne avvelena la ma...
Ragusa, travolto da un’auto:...
Naufraga barca di migranti: mu...
Zanzare triplicate a causa del...
Marco Morandi insultato di con...
Gli anziani e il caldo: «L’...
Gianfelice, figlio di Giacinto...
Aria condizionata e ondata di ...
Trapani, il giudice dà l’ok...
Ondata di caldo, a Roma il gio...
Perché in Italia è possibile...
Imperia, tenta di rapire una b...
Chi è Daniel Pellizon, il nuo...
Grecia, maxi incendio vicino a...
Caldo estremo, record in Cina ...
Palermo, soldi dal clan alla f...
Ondata di caldo record, bolli...
Frecciarossa, 3 ore di ritardo...
Gela, catechista abusa di un m...
La sindaca di Bardonecchia: «...
Jo Squillo: «Sabrina Salerno?...
La tempesta di caldo fino a fi...
Incendio nell’aeroporto di C...
Riccardo Illy: «Mangio yogurt...
Maiella, trenta scout si sento...
Tribunale di Trapani, sì del ...
Incidente aereo in Somalia, l...
Ondata di caldo record: «L’...
La sorella di Luciana Biggi: ...
Leonardo Maria Del Vecchio: «...
Dacia Maraini: «Tra le iene i...
Otto racconti brevi per otto l...
Significato di «in articulo m...
Meteo: verso una settimana di ...
Opicina, folgorato dai cavi el...
Michela Murgia si è sposata c...
Pierluigi Diaco: «Ho superato...
Crolla palazzina in ristruttur...
Pamplona, tra la folla che cor...
La bassa velocità che ci rend...
Francesco Scieri: «Tanta omer...
Migranti, l’allarme Unicef: ...
Indagini sulle stragi del’93...
Indagini sulle stragi del ’9...
Lea Garofalo, manifesto funebr...
Il meteo di oggi, 14 luglio: u...
Bassetti: «I 123 medici che c...
Luca Delfino, il «killer dell...
Fabio Farati: «Ho ballato con...

Rapporto Eures 2003 sull’Omicidio volontario in Italia

1 Luglio 2003, Commenti disabilitati su Rapporto Eures 2003 sull’Omicidio volontario in Italia
L’EURES concretizza con questo primo “Rapporto annuale sugli Omicidi in Italia” un lavoro che da anni svolge il suo Osservatorio sulla criminalità, attraverso un meticoloso monitoraggio degli eventi delittuosi. Il rapporto 2002 ha come riferimento l’anno 2000: dal confronto dei dati emerge la diminuzione di quelli attribuiti alla criminalità comune e organizzata, accanto alla netta prevalenza degli omicidi maturati nei rapporti di prossimità; questo risultato, e soprattutto le dinamiche osservate, disegnano una realtà nella quale lo spazio vitale dell’individuo, cioè l’insieme delle relazioni significative, si va gradualmente riducendo, con una progressiva perdita della capacità di discriminare, al di là della prospettiva emotiva e dei comportamenti reattivi individuali, tra ciò che ha realmente senso e valore e ciò invece ne ha in misura soltanto marginale.
I risultati del Rapporto indicano dunque che lo studio dell’omicidio deve oggi maggiormente concentrarsi sulle cosiddette patologie della normalità e soprattutto, sulle reazioni individuali al disagio, allo stress e alla frustrazione, in una dimensione sociale caratterizzata dall’indebolimento e dalla perdita di ruolo di alcuni tradizionali attori della “mediazione sociale” (la famiglia e le Istituzioni, ma anche i sindacati e le altre organizzazioni rappresentative).
Le possibilità di prevenzione, in questo contesto, sembrano infatti decisamente ridursi, in assenza di modelli interpretativi e strategie di attenzione capaci di cogliere le nuove cause degli omicidi.
Curatore del Rapporto: Fabio Piacenti
 
   
 
   

watching wife sex porno izle free porn movies pornos deutsch spanisch