News
Stupro di Pisticci, arrestati ...
Livorno, il consigliere region...
La bandiera di guerra al Gis: ...
I ragazzi senza docenti di sos...
Alessandro Preziosi: «Papà m...
Alessia Korotkova, dalla Russi...
Meteo, previsioni di mercoled...
Nuovo Dpcm, il Viminale: «Per...
Fontana: «No a nuovo lockdown...
Covid in Australia, il ristora...
Gianluca De Bortoli: «Zuckerb...
Pesaro, cena-protesta contro i...
Proteste in Italia, «infiltra...
Coronavirus, le ultime notizie...
Nuovo Dpcm, dalle sette a mezz...
La bandiera di guerra al Gis: ...
Paolo Nespoli: vita, imprese (...
Coronavirus, Bartoletti: «Cap...
Il papà di Denise Pipitone: ...
«Intolleranza e razzismo hann...
Rimini, vandalizzate auto nel ...
Il nuovo Dpcm e la rabbia dei ...
Coronavirus e cinema chiusi, u...
Coronavirus, da Torino a Catan...
Quali sport si possono fare ...
Firenze, gli orafi di Ponte Ve...
Meteo, previsioni per martedì...
Alto Adige, l’ordinanza dop...
Veltroni da Fazio: «Nel Dpcm...
Milano e l’ultimo aperitivo ...
Coronavirus, le ultime notizie...
Smart working per privati e P...
Cervinia, elicottero precipita...
Nuovo Dpcm: palestre, sport, f...
Nuovo Dpcm: sono aperti i cent...
Coronavirus, le proteste in pi...
Nuovo Dpcm e didattica: cosa d...
Nuovo Dpcm, spostamenti, negoz...
Il Papa annuncia 13 nuovi card...
Spostamenti Comuni-Regioni, ne...
Piomba con l’auto su un grup...
Nuovo Dpcm Covid ufficiale, ri...
Luca Toni e la moglie Marta Ce...
Morto Germano Nicolini, il «c...
Covid, Pietro: «Ho lottato 23...
Scontri a Napoli, adesso De Lu...
Coronavirus, le ultime notizie...
Coronavirus, nuovo Dpcm: chius...
Rebecca Bianchi, etoile di sol...
Incarichi a 800 euro l’ora e...
Raffaella Di Micco e le stamin...
Coronavirus, scontri a Napoli....
La bozza del nuovo Dpcm: chius...
Avezzano, muore per una crisi ...
Il viceministro dell’Interno...
Coronavirus, scontri a Napoli:...
Covid, la lettera-denuncia di ...
Coprifuoco Covid Italia, le mi...
Rapina nella villa di Luca To...
«Mio padre Carlo Urbani che s...
Ora solare 2020, quando cambia...
Carabinieri salgono su un tett...
Coronavirus, le ultime notizie...
Scuola e Covid, Battiston: i d...
Voli «Covid free» Roma-Milan...
Quando fare il tampone per il ...
Proteste contro il lockdown a ...
Napoli, le foto della protesta...
Napoli, manifestazione contro ...
Coronavirus, il virologo Palù...
Gli auguri di Bebe Vio ad Ale...
AutoSole, masso centra auto co...
Becker (fallito) rifiuta l’a...
Covid, l’Iss: «Rt in Italia...
Processo «Mafia Capitale», A...
De Luca chiede il lockdown, nu...
Studentessa denuncia su Instag...
Il giallo del libro del minist...
Scomunicato Vlasic, ex guida s...
Ricercato per 160 stupri, ital...
Ambiente, ecco le tre best pra...
Concessioni abusive, cave di m...
«Calabria terra mia», lo spo...
Coronavirus, le ultime notizie...
Sara Croce: «Vasfi mi portava...
Covid, Milano rischia il lockd...
Covid, Lamorgese: «I controll...
Il cardinale Müller: «Unioni...
Nicola Magrini: «Io, capo del...
James Randi, il cacciatore di...
L’Estetista Cinica pubbliciz...
«Il Giro d’Italia a vela»:...
Covid, scatta il coprifuoco an...
La sfida di Pierre Casiraghi e...
Autocertificazione, il modulo ...

LA REPUBBLICA. Femminicidi: sempre più vittime, 142 l' anno scorso

20 Novembre 2019
 Commenti disabilitati su LA REPUBBLICA. Femminicidi: sempre più vittime, 142 l’ anno scorso
20 Novembre 2019, Commenti disabilitati su LA REPUBBLICA. Femminicidi: sempre più vittime, 142 l’ anno scorso

L’Italia non è un paese per donne. La violenza di genere cresce ancora: nel 2018 sono state 142 le donne uccise (+0,7%), 119 in famiglia (+6,3%), 94 nei primi dieci mesi di quest’anno. Lo dice il rapporto Eures su “Femminicidio e violenza di genere in Italia” nel quale si sottolinea che non si è mai registrata una percentuale così alta di vittime femminili (40,3%). ‘Gelosia e possesso’ sono ancora il movente principale (32,8%). In aumento anche le denunce per violenza sessuale (+5,4%), stalking (+4,4%) e maltrattamenti in famiglia (+11,7% nel 2018).

Cifre che portano a 3.230, le donne uccise dal 2000, di cui 2.355 in ambito familiare e 1.564 per mano del proprio coniuge/partner o ex partner mentre sono in costante aumento negli ultimi cinque anni le violenze sessuali denunciate, che raggiungono nel 2018 le 4.886 unità, con una crescita del 5,4% sul 2017 e del 14,8% sul 2014. Di queste ben 1.132, pari al 25,9% del totale, risultano minorenni. Le vittime femminili del reato di violenza sessuale raggiungono nel 2018 il 92% del totale, in crescita rispetto all’89,9% dell’anno precedente

Focalizzando l’attenzione sugli ultimi 5 anni – dicono i dati Istat -sono 538 mila le donne vittime di violenza fisica o sessuale da ex partner anche non convivente. In questo gruppo sono 131 mila le separate o le divorziate. Il 65,2% delle donne separate e divorziate aveva figli al momento della violenza, che nel 71% dei casi hanno assistito alla violenza (il 16,3% raramente, il 26,8% a volte e il 27,9% spesso) e nel 24,7% l’hanno subita (l’11,8% raramente, l’8,3% a volte, il 4,7% spesso). Un quinto (24,4%) delle separate o divorziate si sono recate presso le forze di polizia per denunciare la violenza, ma nel 60% dei casi non hanno firmato il verbale.

Nel 4,7% dei casi si sono rivolte ai centri anti violenza o agli sportelli di aiuto contro la violenza, mentre il 13,2% di queste dichiara di non sapere della loro esistenza. Le violenze subite sono considerate gravi in quasi il 90% dei casi, molto gravi nel 62,9% dei casi e il 45,6% delle vittime ha subito ferite. Oltre la metà (53,9%) ha dichiarato di aver avuto paura per la propria vita o quella dei figli.

Considerando il complesso delle donne che nella vita hanno avuto almeno un partner convivente violento (indipendentemente dallo stato civile) il 37,3% lo ha lasciato anche se solo temporaneamente. Di queste, però, circa la metà ha poi deciso di tornare a viverci insieme.

Tra le motivazioni per cui le donne sono tornate a convivere con il partner violento, il 37,7% dichiara di averlo fatto perchè il partner le ha promesso di cambiare, il 30,2% per concedere al partner una seconda possibilità, il 16,4% per amore. Il 27,6% delle donne con figli dichiarano di essere tornate in convivenza per il loro bene. Le donne che hanno scelto di lasciare, anche se solo temporaneamente, il partner avevano storie più gravi di violenza: le ferite sono maggiori (64% dei casi), così come la sensazione di pericolo per sè o per i propri figli (65,5%)”.

Le violenze subite sono considerate gravi in quasi il 90% dei casi, molto gravi nel 62,9% dei casi e il 45,6% delle vittime ha subito ferite. Oltre la metà (53,9%) ha dichiarato di aver avuto paura per la propria vita o quella dei figli. Considerando il complesso delle donne che nella vita hanno avuto almeno un partner convivente violento (indipendentemente dallo stato civile) il 37,3% lo ha lasciato anche se solo temporaneamente. Di queste, però, circa la metà ha poi deciso di tornare a viverci insieme.

Fonte

watching wife sex porno izle free porn movies pornos deutsch spanisch