News
Aggressione razziale contro Be...
Bergamo, ramo s’incastra nei...
Elisa Suman, l’ultramaratone...
Benin, gli under 17 in campo n...
Umberto Pellizzari: «Mamma mi...
Sergio Staino: «Io, l’amico...
Ferrara, bambino di quattro an...
Autostrade in Liguria: «Lavor...
Cassandra: «Faccio la chemio...
Le previsioni meteo per domani...
Covid Cremona, riapre la terap...
Emma Bonino: «Fiera di quelle...
Amantea, migranti positivi al ...
Turismo, i dati drammatici di ...
«Grazie a nome di tutti»: l...
La protesta di Cesare Battisti...
Incidente in deltaplano: muore...
Rimini, ubriaco sul monopattin...
Le previsioni meteo per domani...
Nozze di sabbia a Tel Aviv, l...
De Luca incontra i genitori de...
Meteo, pioggia e temporali al ...
Cremona, lo sfogo dell’infer...
Australia, squalo attacca e uc...
Pedofilia e dark web, scoperta...
Mafia dei Nebrodi: indagati in...
Bellomo agli arresti domicilia...
Gina Lollobrigida e l’ex man...
Mick Jagger trasloca in Toscan...
Cosa Nostra e ‘Ndrangheta, u...
Da Sarah Ferguson a Harrison F...
Torre Annunziata, estrazione a...
Aerei russi sconfinano in Isla...
Le previsioni meteo per sabat...
Crisanti fa causa all’Univer...
Mafia, il Tar riabilita l’az...
Matrimonio con Coronavirus, a ...
Francesco Bellomo, torna agli ...
Coronavirus, il 79% dei giovan...
Madre lesbica separata non ved...
Ennio Doris, chi è il fondato...
Coronavirus, Miozzo: «Scuola ...
Ennio Doris, gli 80 anni del f...
Le verifiche dei pm: così Fon...
«Non c’entra con la mafia»...
Coronavirus, l’Italia vieta ...
Gaeta, americana ha un malore ...
Corte Costituzionale boccia il...
Coronavirus, bengalese positiv...
Linate riapre il 13 luglio, Al...
Ragazzi morti a Terni, l’uom...
Coronavirus, l’impatto sulle...
Europa: aumentata del 49% l...
Coronavirus in Italia, Gimbe: ...
Un bagno nel lago siberiano l...
La Leggenda del pianista nell...
L’ospedale non paga: i genit...
Concessioni balneari: quelle s...
Arriva «Corriere Daily», il ...
Emanuele Filiberto scende in c...
Ponte Morandi a Genova, la Con...
Incidente sulla A14: camionist...
Linate è un caso: l’aeropor...
Uccide «per dispetto» il ca...
Selvaggia Lucarelli: «Non ho ...
Coronavirus, a Roma e Milano v...
Racale, scomparsa Mauro Romano...
Vincita al Superenalotto a Sas...
Terni, Flavio e Gianluca (16 e...
Selvaggia Lucarelli deferita a...
«Venduti bond garantiti dalla...
Tamara Lunger: «La mia estate...
Iseppi: «Borghi e cammini per...
SuperEnalotto, centrato un «6...
«Venduti sui mercati internaz...
Terni, trovati morti in casa d...
Scuola, il commissario Arcuri ...
Ponte di Genova, l’Anac: «L...
Johnny Depp «mascherato» a L...
Juniò, da solo a 6 anni sul ...
Varese, primario sospeso a Cit...
(Ri)Partiamo? Incontro con ...
Caos in Liguria, 16 km di code...
Reggio Calabria: «Stop 5G». ...
Coronavirus, troppi positivi ...
Matteo Bernasconi, le ceneri d...
Le opere «sbloccate» dal Dec...
Qui si cerca la materia oscura...
Fausto Iob: «Dedico la mia vi...
Riapertura scuole a settembre,...
Terremoto, le campane di Norci...
Test sierologici a Fiumicino...
Don «Cicci» Pastorino morto ...

LA REPUBBLICA. Femminicidi: sempre più vittime, 142 l' anno scorso

20 Novembre 2019
 Commenti disabilitati su LA REPUBBLICA. Femminicidi: sempre più vittime, 142 l’ anno scorso
20 Novembre 2019, Commenti disabilitati su LA REPUBBLICA. Femminicidi: sempre più vittime, 142 l’ anno scorso

L’Italia non è un paese per donne. La violenza di genere cresce ancora: nel 2018 sono state 142 le donne uccise (+0,7%), 119 in famiglia (+6,3%), 94 nei primi dieci mesi di quest’anno. Lo dice il rapporto Eures su “Femminicidio e violenza di genere in Italia” nel quale si sottolinea che non si è mai registrata una percentuale così alta di vittime femminili (40,3%). ‘Gelosia e possesso’ sono ancora il movente principale (32,8%). In aumento anche le denunce per violenza sessuale (+5,4%), stalking (+4,4%) e maltrattamenti in famiglia (+11,7% nel 2018).

Cifre che portano a 3.230, le donne uccise dal 2000, di cui 2.355 in ambito familiare e 1.564 per mano del proprio coniuge/partner o ex partner mentre sono in costante aumento negli ultimi cinque anni le violenze sessuali denunciate, che raggiungono nel 2018 le 4.886 unità, con una crescita del 5,4% sul 2017 e del 14,8% sul 2014. Di queste ben 1.132, pari al 25,9% del totale, risultano minorenni. Le vittime femminili del reato di violenza sessuale raggiungono nel 2018 il 92% del totale, in crescita rispetto all’89,9% dell’anno precedente

Focalizzando l’attenzione sugli ultimi 5 anni – dicono i dati Istat -sono 538 mila le donne vittime di violenza fisica o sessuale da ex partner anche non convivente. In questo gruppo sono 131 mila le separate o le divorziate. Il 65,2% delle donne separate e divorziate aveva figli al momento della violenza, che nel 71% dei casi hanno assistito alla violenza (il 16,3% raramente, il 26,8% a volte e il 27,9% spesso) e nel 24,7% l’hanno subita (l’11,8% raramente, l’8,3% a volte, il 4,7% spesso). Un quinto (24,4%) delle separate o divorziate si sono recate presso le forze di polizia per denunciare la violenza, ma nel 60% dei casi non hanno firmato il verbale.

Nel 4,7% dei casi si sono rivolte ai centri anti violenza o agli sportelli di aiuto contro la violenza, mentre il 13,2% di queste dichiara di non sapere della loro esistenza. Le violenze subite sono considerate gravi in quasi il 90% dei casi, molto gravi nel 62,9% dei casi e il 45,6% delle vittime ha subito ferite. Oltre la metà (53,9%) ha dichiarato di aver avuto paura per la propria vita o quella dei figli.

Considerando il complesso delle donne che nella vita hanno avuto almeno un partner convivente violento (indipendentemente dallo stato civile) il 37,3% lo ha lasciato anche se solo temporaneamente. Di queste, però, circa la metà ha poi deciso di tornare a viverci insieme.

Tra le motivazioni per cui le donne sono tornate a convivere con il partner violento, il 37,7% dichiara di averlo fatto perchè il partner le ha promesso di cambiare, il 30,2% per concedere al partner una seconda possibilità, il 16,4% per amore. Il 27,6% delle donne con figli dichiarano di essere tornate in convivenza per il loro bene. Le donne che hanno scelto di lasciare, anche se solo temporaneamente, il partner avevano storie più gravi di violenza: le ferite sono maggiori (64% dei casi), così come la sensazione di pericolo per sè o per i propri figli (65,5%)”.

Le violenze subite sono considerate gravi in quasi il 90% dei casi, molto gravi nel 62,9% dei casi e il 45,6% delle vittime ha subito ferite. Oltre la metà (53,9%) ha dichiarato di aver avuto paura per la propria vita o quella dei figli. Considerando il complesso delle donne che nella vita hanno avuto almeno un partner convivente violento (indipendentemente dallo stato civile) il 37,3% lo ha lasciato anche se solo temporaneamente. Di queste, però, circa la metà ha poi deciso di tornare a viverci insieme.

Fonte

watching wife sex porno izle free porn movies pornos deutsch spanisch